NBA Basket. Free agency bullet points?… Why not! (The three ones that inspire me most)

Gregg Popovich, San Antonio Spurs

Gregg Popovich, San Antonio Spurs

The Nba Free Agency frenzy is about to start.

In just a few hours hordes of Nba executives will be on the hunt to win the signatures of the most coveted Nba free agents. The ones that will turn their franchises around. The ones who will bring the team to the promise land… You will see hordes of execs knocking at players’ doors, picking up their office phones and make them burn in calling players, flying to players’ houses, condos, cribs (whatever) hoping to find them at home (not sure about this…) and lure them with the most engaging, compelling and astonishing power point presentation. Everyone will be up and running.

Except one….

  • The Man (yes with capitol M) above. In the picture. The man who can showcase 5 rings that, last time I checked, are the equivalent of Scudettos in Italian football (or soccer, for you, my beloved Americans). A man who has a wine cellar made of such fine wines to make the best restaurant in your city one look like an average cellar. A man who loves to travel. A man, who, among all of this, happens to be the best basketball coach in the world nowadays. What will Gregg Popovich do at midnight? He will sleep!

I’m not calling anyone at midnight. I’ll be in bed. And if that’s the difference in someone coming or not coming, then I don’t want them

I love Pop! I’m sorry, but I have a basketball crush for him!

Marc Gasol, Memphis Grizzlies

Marc Gasol, Memphis Grizzlies

  • Where will Marc Gasol be playing next season? According to Marc Stein of Espn in the exact same place he’s been playing in last years: Memphis. Gasol doesn’t want to go anywhere. He wants to play for Memphis and he’s willing to listen to no one besides Memphis. That is why Grizzlies’ executives are in Spain, where Marc is spending his holidays (before starting the training camp with the National Team in preparation for the European Championship in September), to knock at his door right after midnight and presenting him the franchise proposal including a maximum salary for a multiple years offer. The hope for Memphis’ executives is to come away with a verbal agreement with Gasol’s camp at least. Should the contract talks break down – an unforeseeable thing, given Gasol will to stay put –  every possible scenario will be open for Gasol.

Lamarcus Aldridge

Lamarcus Aldridge

  • Where will LaMarcus Aldridge end up? There’s a bunch of NBA teams that are looking to try to sign him. According to Ramona Shelbourne of Espn Aldridge is scheduled to visit at least 7 franchises, starting with Lakers and Rockets, followed by Spurs and Mavericks and ending with Toronto, Phoenix and New York.

The Los Angeles Lakers and Houston Rockets will get the first opportunities to meet with LaMarcus Aldridge shortly after the free-agency period officially begins at 9:01 p.m. PT Tuesday in Los Angeles.

Aldridge also will meet with the San Antonio Spurs, Dallas Mavericks, Phoenix Suns and Toronto Raptors on Wednesday and with the New York Knicks on Thursday, league sources told ESPN.com.

According to one source, the chance of Aldridge staying with the Portland Trail Blazers is “very unlikely”

My educated guess is: Spurs (RC Buford will be alive and kicking when the Free Agency will begin), Lakers (seem interested in Iman Shumpert too) and Mavericks (Tyson Chandler may be directed to Milwaukee)

Demarcus Cousins, Sacramento Kings

Demarcus Cousins, Sacramento Kings

  • The Sacramento Kings are a mess. What you don’t do to keep your franchise player and star of the team happy. A strange cat , always on the edge of a nerve crisis, but gifted with mad skills. A guy who’s constantly abiding his defensive duties but who is a huge, huge rebounder and a spectacular offensive weapon. Demarcus Cousins, ladies and gentlemen. Now, Vivek Ranadie, the dynamic (maybe too much…. dynamic) Sacramento Kings owner, after having invested Vlade Divac of all the managerial power of the franchise, is trying to find a way to fire coach George Karl without loosing too much money with this operation. Why? Because, it seems that Cousins and Karl haven’t been on the same page (They weren’t at all) in the short stint that Karl has been on Kings bench last season and, in addition, the Lakers are strongly seeking a trade to bring Cousins to the Staples Center next year (Lakers, rumors say, seem to be ready to put their first draft pick D’Angelo Russell into the package to send to the Kings for Cousins). Thus Ranadie’s thought to go talking to the most coveted NCAA coach by the NBA: John Calipari. Ranadie is just the last of other NBA owners who tried to convince Calipari to leave UK and embrace the task to right the ship of an NBA franchise in despair. To do so, Ranadie seem to have offered 10 millions of dollars a year to Calipari covering the role of basketball executive and coach at the same time. Small detail: coach Cal has just tweeted that he is staying at University of Kentucky and he and Ranadie had just a talk about Cousins himself given that Calipari was Cousins’ coach during his only year at UK, but no job offer was made at any point during that phone call. As I said, in the end, this is a huge mess.

Basket Nba. Free Agency bullet points?… Why not! (I tre che mi ispirano di più…)

Gregg Popovic, San Antonio Spurs

Gregg Popovich, San Antonio Spurs

A mezzanotte scatta la solita NBA frenzy. 

Dalla mezzanotte del primo luglio, orario del Vecchio continente, le squadre Nba potranno iniziare a firmare i free agents o, se non altro,  intavolare le prime trattative, bussare alla loro porta di casa con una power point presentation degna del miglior marketing manager in circolazione, telefonare ai loro cellulari (più probabile ai loro agenti, perché chissà dove cavolo può essere a mezzanotte un giocatore Nba il 1 di luglio…), a parte uno…..

  • Quell’uomo raffigurato nella foto in alto. Ha una mano fasciata di anelli che, l’ultima volta che ho controllato, sono l’equivalente degli scudetti vinti in questo paese abbandonato da Dio e dagli uomini (l’Italia): si danno a quelli che vincono il campionato. Ha una cantina che farebbe invidia ai migliori ristoranti in circolazione. Ama viaggiare. E, nelle more, è il miglior allenatore in circolazione al momento. Cosa farà Gregg Popovich a mezzanotte? Nulla! Non chiamerà nessuno. Dormirà

I’m not calling anyone at midnight. I’ll be in bed. And if that’s the difference in someone coming or not coming, then I don’t want them

Che dirvi? Pop mi manda completamente nei matti.

Marc Gasol, Memphis Grizzlies

Marc Gasol, Memphis Grizzlies

  • Dove andrà Marc Gasol? According to Marc Stein di Espn  da nessuna parte. Il fratello di Pau, vuole rimanere a Memphis. E Memphis è pronta a offrirgli il massimo salariale consentito. Marc si trova in Spagna al momento – e giustamente, aggiungerei! – e una delegazione dei Grizzlies si è imbarcata apposta su un aereo e a mezzanotte busserà alla sua porta (sperando che Marc sia in casa….) per formalizzare l’offerta della squadra del Tennessee e provare a strappare almeno un consenso verbale alla stessa. Dovesse andare male la visita – cosa poco probabile vista la pregnante volontà del giocatore – si aprirebbe ogni tipo di scenario per il centro spagnolo che smuove la salivazione di un ottimo numero di squadre NBA. 

    Lamarcus Aldridge

    Lamarcus Aldridge

  • Dove andrà LaMarcus Aldridge? Ha mezza Nba che lo cerca. Secondo Ramona Shelbourne di Espn ci sono sette squadre in lizza. Lakers e Rockets sono le prime che l’ala grande di Portland visiterà. Poi a seguire San Antonio (Pop dorme, RC Buford non credo!), Dallas, Toronto, Phoenix e infine New York.

The Los Angeles Lakers and Houston Rockets will get the first opportunities to meet with LaMarcus Aldridge shortly after the free-agency period officially begins at 9:01 p.m. PT Tuesday in Los Angeles.

Aldridge also will meet with the San Antonio Spurs, Dallas Mavericks, Phoenix Suns and Toronto Raptors on Wednesday and with the New York Knicks on Thursday, league sources told ESPN.com.

According to one source, the chance of Aldridge staying with the Portland Trail Blazers is “very unlikely”

Il mio dollaro “educato” lo metto su Lakers (Interessati ad Iman Shumpert), Spurs e Mavericks (A proposito, Tyson Chandler pare sulla strada di Milwaukee).

Demarcus Cousins, Sacramento Kings

Demarcus Cousins, Sacramento Kings

  • Il casino Sacramento Kings. Dunque, cosa non si fa per provare a trattenere il tuo giocatore più forte. L’uomo franchigia per eccellenza. Un carattere particolare, sempre sul filo di una crisi di nervi, un difensore che costeggia la definizione di “scioperato”, un rimbalzata coi controcazzi, un attaccante pazzesco, una contraddizione vivente, insomma. Demarcus Cousins, ladies and gentlemen. Ora, Vivek Ranadie, il “dinamico” (???) proprietario dei Kings dopo aver dato in mano il potere a Vlade Divac sta cercando di trovare un modo per licenziare George Karl dal pino senza smenarci una fortuna. Perché? Perché Karl e Cousins non sono andati per niente d’accordo sotto il breve regno dell’ex coach dei Nuggets, e visto che i Lakers – dicitur – stanno cercando di allestire una trade per Cousins (Addirittura aggiungendovi la loro prima scelta D’Angelo Russell) ecco che la proprietà ha pensato a John Calipari (l’ennesima franchigia Nba in crisi che cerca di attrarre il tecnico di Kentucky) come possibile panacea per tutti i mali. Il tutto alla “modica” cifra di 10 milioni di dollari a stagione che coprirebbero il doppio ruolo di manager e allenatore. Piccolo particolare, Coach Cal ha appena twittato il suo non interesse al posto di allenatore di Sacramento, ribadendo la volontà di rimanere a University of Kentucky. Aggiungendo che Ranadie e Calipari hanno avuto uno scambio di opinioni proprio su Cousins ma che mai a nessun punto della chiacchierata gli è stato offerto il posto. Insomma, un bordello allucinante. 

Basket serie A. Bullet points di mercato… Reggio Emilia e dintorni

Federico Mussini

Federico Mussini

Tre giorni sono passati dalla delusione.

Tre giorni tra ringraziamenti e speciose ricerche di un “colpevole” – gli arbitri, il pubblico troppo “freddo”, il tifoso invasore… bla, bla, bla… 

Tre giorni sono passati ed è stato un bel pensare a “cosa fare adesso”… I bullet points son stati una bella trovata. Mi son divertito a scriverli, e sinceramente non pensavo che venissero accolti così favorevolmente da quelli che hanno avuto la carineria di seguirli….

Fortunatamente c’è il mercato! Quindi, qualche bullet potrebbe ancora avere un senso.

Ordunque…

  • Federico Mussini. Oggi dovrebbe comunicare la sua decisione di andare negli Stati Uniti a frequentare l’università e partecipare quindi al campionato NCAA. Una scelta che qualsiasi essere umano non avrebbe dubbi a compiere. Secondo me fa bene e gli auguro le migliori fortune accademiche e sportive.
  • Chikoko. Spero che rimanga a Reggio. E’ un bell’osso. L’ho scritto mille volte, ha potenziale eccellente, ma bisogna lavorarci. Soprattutto in difesa dove non ha idea di dove andare. In attacco deve rafforzare i suoi movimenti e renderli sicuri, però lo specimen è di quelli molto interessanti.
  • Polonara. Mi dicono che abbia mezza Europa che lo cerca. Ho sentito voci di interessamento da parte di Milano. Dal mio punto di vista sono tutti più che meritati. Poi, ritengo anche che se lui e il suo procuratore sono intelligenti un altro anno a Reggio di ulteriore consolidamento sia l’ideale. Poi dipende sempre da chi offre, e soprattutto, quanto offre, partendo dal presupposto che queste cose siano vere.
  • Lavrinovic e Kaukenas. Li accomuno, perché l’enclave lituana è un “sistema nel sistema”, quindi vanno in coppia. Personalmente lì firmerei con un contratto in bianco, scelgano loro per quanto vogliono soggiornare nella “ridente” Reggio Emilia, sul resto ci si mette d’accordo. A Kaukenas, proporrei già un opzione per un ruolo tecnico anche per il dopo basket giocato. Tanto gli schemi e i “sermoni” li fa già…
  • Della Valle. Dopo il post di papà Carlo su Facebook, credo che qualcosa tra l’entourage del giocatore e lo staff di Pallacanestro Reggiana vada chiarito. Perché la frase “trasforma ancora una volta la rabbia per un torto subito (quello di non giocare l’ultimo quarto, sostanzialmente, da) in energia per continuare a migliorarti” non può passare così, senza nemmeno una riflessione da parte dei soggetti coinvolti. Al di là della comprensibilità delle parole di un papà che vuole un mare di bene a suo figlio, c’è un aspetto “professionale” che va comunque preso in considerazione. Anche lui ha richieste da mezzo mondo, dicitur. Per quanto mi riguarda è un giocatore offensivamente pazzesco. Vale lo stesso discorso di Polonara. Se è intelligente un altro anno a Reggio ha senso che lo faccia, ma….pecunia non olet e nemmeno l’Eurolega nel caso…
  • Cervi. Discorso lungo su Ricky e magari ci spenderò un post nei prossimi giorni (Anche se il mondo è grande, e Reggio è piccolina…). Da quello che so ha un accordo con Milano praticamente trovato da mesi. C’è chi lo ha “bersagliato” per aver voltato le spalle a Reggio. Ma chi conosce Ricky sa che uno dei suoi desideri era quello di esplorare situazioni sportive fuori da Reggio Emilia. Mi sento di approvare la scelta. Riccardo ha bisogno di uscire dall’alma mater per poter trovare una sua dimensione tecnica definitiva, confrontarsi con pressioni e motivazioni diverse e crescere come uomo e giocatore.
  • Silins. Contratto a parte, dovrebbe essere un intoccabile e dovrebbe costituire l’ossatura della squadra con Polonara e ADV. E’ molto migliorato nel tiro da fuori, ora la transizione a tre “moderno” prevederebbe un significativo miglioramento nell’attaccare l’uomo dal palleggio. Un altro anno a Reggio in questo senso non può che fargli bene.
  • Diener. Anche lui meriterebbe un post a parte. Reggio Emilia per Diener è un capitolo mai veramente iniziato nella sua carriera. E che non ha senso che continui, per il bene di entrambe le parti.

    Andrea Cinciarini, Pallacanestro Reggiana (Al momento)

    Andrea Cinciarini, Pallacanestro Reggiana (Al momento)

  • Cinciarini. La voce di un interessamento di Milano mi era giunta da mesi. Ben prima di dare vita a questo “luogo”. A Gabriele Gallo de Il Resto del Carlino ha dichiarato che ha 29 anni e che deve riflettere. La riflessione porta, per quanto mi riguarda, a un unico scenario. Che credo sia  il migliore per tutti. A 29 anni quando hai la possibilità di confrontarti con il mercato cestistico più importante del Paese con cifre importantissime, con un ruolo da protagonista, non penso che un’opportunità del genere possa essere lasciata lì. Per Reggio c’è l’idea di voltar pagina dopo tre anni di grandi soddisfazioni, ottimo rendimento e leadership sopravvalutata. Il problema, per quanto mi riguarda, è il “dopo” Cinciarini. La voce di Stefano Gentile circola da mò…. Ho sentito anche quella di Luca Vitali. Se dovessi scegliere io, non avrei un dubbio: prendo il primo.

    Nicolò Melli, Olimpia Milano (al momento)

    Nicolò Melli, Olimpia Milano (al momento)

  • Altrove. Nicolò Melli dovrebbe annunciare il suo passaggio al Bamberg di coach Trinchieri e del giemme – per un anno anche scout di Pallacanestro Reggiana – Daniele Baiesi. Scelta saggia. Nico ha bisogno di azzerare tutto dopo il periodo di Milano e rilanciare la sua carriera in un ambiente diverso, con stimoli diversi. Magari non sarà facile, e Melli dovrà metterci anche un po’ del suo, però penso sia una sfida che in questo momento debba accettare.
  • Mi dicono che Reggio sono mesi che segue David Logan. Bene. Benissimo. Ma mi dicono anche che in Grecia abbia molti e facoltosi estimatori (oh, poi bisogna vedere se si parla di Euro, di Dollari o di Dracme…)
  • Sassari ha lasciato libero Jeff Brooks. Qualcosa mi dice che non tarderà troppo a trovare un nuovo contratto il buon Jeff. Magari mi sbaglio, ma insomma…
  • Alessandro Gentile ha rinnovato con un triennale il suo rapporto con Milano. Il mio commento? Bah…