I DIECI MIGLIORI FILM DEL 2015

L’errore marchiano del maestro Bob Mapplethorpe (per i “meno”, Davide Battilani): scrivere su Facebook la classifica dei 10 film che gli sono piaciuti di più…. Dopo mesi di corte serrata, finalmente posso dire….

Caro Batti: l’hai fatta la cazzata, ci sei finito su Sportfromthecouch…. 🙂

Bob Mapplethorpe 

1. MAD MAX: FURY ROAD 

Un settantenne insegna a una nuova generazione come si fanno i film d’azione. Un’invenzione in ogni inquadratura. Cinema allo stato puro.

2. SHAUN VITA DA PECORA – IL FILM

Shaun film

Delizioso, insano e con sprazzi di umorismo adulto e anarchico.

3. STAR WARS VII: IL RISVEGLIO DELLA FORZA

Era ora. Il divertimento e l’avventura tornano in Guerre Stellari, grazie a questo ingegnoso sequel/remake.

4. A BIGGER SPLASH

a bigger splash film

Trascinato dalla debordante prova attoriale di Ralph Fiennes, un film sospeso, ambiguo e intelligentemente irrisolto. La prova che non guardo solo film di fantascienza.

5. MISSION IMPOSSIBLE V: ROGUE NATION

Nel suo genere un quasi capolavoro azzoppato dal finale tirato via. Ormai si va al cinema per vedere se Tom Cruise tira le cuoia facendo qualche folle stunt.

6. THE LOBSTER

lobster-movie-film

Wes Anderson incontra Haneke che incontra Bunuel. Feroce e divertente. La seconda prova che non guardo solo blockbuster americani.

7. SOPRAVVISSUTO – THE MARTIAN

Sopravvissuto film

Sorprende per la sua totale mancanza di cinismo. Tutti sono dei santi terribilmente in gamba. Lasciate perdere la scienza: è un film umanista. In pratica una fiaba.

8. TOMORROWLAND

Il film incompreso dell’anno. Un omaggio alle produzioni Amblin degli anni 80 perfetto fino a mezz’ora dalla fine, quando un confuso messaggio prende il sopravvento e il regista intento a pontificare si dimentica degli spettatori.

9. EX MACHINA

ex machina film

Noir tecnologico glaciale e cerebrale come una intelligenza artificiale, scritto, diretto e interpretato con stile.

10. NON ESSERE CATTIVO.

Claudio Caligari. Tre film in più di trent’anni. Un delitto.

ONOREVOLI MENZIONI:

Kingsmen, Humandroid (lo so, è un film terribile, ma a me è piaciuto comunque), Into The Woods.

DELUSIONI:

Avengers – Age of Ultron, Inside Out, Il Ponte di Spie, il terribile American Sniper.

GUILTY PLEASURE:

Jupiter – Il Destino dell’Universo (e con questo mi sono sputtanato).

Business and Sport. James Goldstein adds Mantova to his collection – A tribute to Jimmy.

James Jimmy Goldstein is someone who “made a deal”.

He made a deal like Bruce Springsteen, Mick Jagger or Keith Richards did.

A deal like Sir Alex Ferguson, Josè Mourinho and Jurgen Klopp did, as well as, to enter a field that Mr Goldstein cares a lot, Gregg Popovic.

The news that James Goldstein Couture brand, the fashion brand that directly leads to the iconic and unique personality of Mr Goldstein, will be shown over the Dinamica Mantova game uniforms has, somewhat, struck the half sleepy world of the Italian basketball, always so hungry to find new personalities to make it more attractive in spite of the fact that Dinamica Mantova plays in the second professional basketball league in Italy and its market is very small.

The news gave me a sort of mixed feelings. On one side there’s the curiosity to know more about the deal. The financial details remain undisclosed. Same for the degree of involvement that Mr Goldstein, through his fashion brand of course, will have into the managerial operations of the basketball club. On the other side there’s, nevertheless, the admiration for a cult personality such Mr Goldsteing who showed the courage to enter his feet into the Italian basketball narrow landscape.

Dinamica Mantova is a fairly new comer on the Italian pro basketball stage. This will be its second consecutive season in  what was the former Basket Legadue. Its ambitions are quite clear: compete at the highest level, and, why not?, have a run at being promoted in Basketball Serie A. Last year Mantova avoided relegation and came really close to enter the play offs (all though it had to face some growing pains –  specifically some managerial and communication mess throughout the season -). This year, as I wrote above, the goal is to keep getting better. I humbly believe that ideas are there, but the structure is not solid  to aim at the highest prize yet and I believe these missing elements will come to surface as the new season will go on. At the same time I firmly believe that making James Goldstein involved in the basketball scene in Mantova, and on a broader view in Italy, is something that has to be taken advantage to. Such versatile personality, with some many interests will find in Mantova an interesting place to visit and maybe getting familiar with. And for the Italian basketball in general, Mantova will firmly and deeply be  on the map by the only presence of one of Mr Goldstein brands .

Needless to say that for a die hard basketball fan – and, in my spare time (joking of course) someone who wrote about it and analyze it too – James Jimmy Goldstein is a cult subject. This commercial partnership between him and Mantova really tickled my fancy and induced me to search deeper on Mr Goldstein profile and sharing it with my beloved readers.

There’s no exclusive contents of course, but I believe that many facets of James Goldstein haven’t been so well known by many (especially in Italy). The hope I have is that this post will help  disclose them to other people all though in just a small part.

Federico Buffa’s video shown above (as part of a very successful series of short videos recorded for an Italian shoe firm Barracuda by Fabi Shoes) highlights the three main James Goldstein passions, the ones that define and make unique his business card:

«Fashion, Basket and Architecture».

Besides those, there are not many informations about the life of James Goldstein. Wikipedia’s page dedicated to him spends more time in talking about basketball than about his life. The little we know is that he was born in Milwaukee, Wisconsin, and that he is in his seventies.

We also know that he is very rich but few know where this wealth comes from. People speculate that his fortunes come from real estate investments. Goldstein laconically says that: «I was lucky at investing my money». Nevertheless I came to the conclusion that in this case, like many other, being lucky does not exist. The better you are in understanding where to put your money, the luckier you become.

People refers to me constantly as the mystery man. Magazines and blogs write about me and refers about me as the “mysterious” James Goldstein. I don’t really think I’m so mysterious. I like my actions speak for themselves, but I think people in general are afraid to be different. They feel more secure if they are like everybody else around them. I’m not that way. I don’t have insecurity problems.

I realize I’ve become somewhat of a legend, yes. And that has brought stories with it. . . . But I like that.

This is Mr. Goldstein philosophy: thinking out of the box and willingness to take chances no matter what. That constant idea to distinguish himself from the masses:

I am willing to take chances and I feel good about that. I constantly strive to be somewhat unique and to do things in a way that go beyond anyone else is doing. So the constant challenge that I create for myself could be construed as limiting or binding but I don’t look at it that way: I welcome the challenge. Many people play it safe in many ways, including love. I don’t play it safe. If something is very fulfilling that’s all I’m looking for. I’m not looking for “happiness number one” versus “happiness number two”. I don’t rank happiness.

FASHION

Fashion is the medium that enabled Goldstein and Mantova basketball get in touch and form a partnership. Goldstein always loved to distinguish himself from the others. This is what he tells to Miss Natalie Alcala in an interview for Racked.com:

I first started getting into fashion when I was teenager in high school; I’d always try to be one step ahead of my classmates in terms of what I was wearing and whatever the latest fad was. I was living in Milwaukee at the time, which you can imagine wasn’t the most fashionable place. I didn’t want to dress like everyone else.I went out to Stanford for my undergraduate work, and that’s when I decided to stay out in California. Then, I went to graduate school at UCLA. I just knew that I wanted to stay here.

while everyone was wearing pink shirts at the time, I took it one step further and got a pink suit!

His passion for fashion and cool clothes took another level when he first traveled to Paris when he was twenty. In that occasion  his awareness in developing a personal taste in wearing fashion clothes was exploited to the max:

That really had a strong impact on my fashion awareness – Goldstein recounts in a brilliant interview with Derk Blasberg for Interview.com -. I stepped it up considerably from that point on, and I still feel like I’m advancing more and more in my look.

The first purchases – some Pierre Cardin suits – and a sincere admiration for French and Italian designers:

Designers may be exciting at one point, and then they start getting too commercial for me and try to sell to the masses – Mr Goldstein tells to Forbes Declan Eytan -. Over the years I haven’t stuck with one designer, I’m always looking for new ones. A perfect example is Saint Laurent, they used to be too conservative for me, but now they make clothes that suit me perfectly. (Roberto) Cavalli has told me actually that he loves the way that I dress, but I’m unique, and he’s afraid that if he’d design clothes with me in mind, I’d be the only one wearing it.

So, designer by designer, suit by suit, he arrived at more than 100 fashions shows attended worldwide. We’re talking about Milan, Paris, Moscow and more. Jimmy moves on a worldwide scale and there’s this “metropolitan legend” that he flies with private jets. That’s not true. It’s Goldstein himself that denies the story to GQ Italy. He usually flies with common airlines and for some internal flights he favors economy class too. After all that, James Goldstein Couture was the natural and direct junction.

Il negozio James Goldstein Couture a Milano

For years, people have told me that I should design, but I always laughed it off saying that I didn’t want to start a new career at this point in my life (Hats and leather jackets are taylor made especially for him. The first ones in Paris, the jackets come directly from the fashion line that takes his name). I never formerly studied fashion, but I observe it closely.

In 2013:

two of my best friends from Milan (where the first James Goldstein Couture store opened in Via Montenapoleone. The place to be for a fashion firm in Milan!) surprised me by announcing that they were creating a new fashion line. Not only did they want to name it after me, but they wanted me to become the head designer. James Goldstein Couture was born.

Stefano D’Ambrosio and Jean Paul (his two business partner in this venture) never put any financial pressure on me and gave me all the creativity freedom that I needed. They are my ideal business partners and one of the reasons I started this new business.

From the rumors that have circulated in past weeks the connection between one of the two Jimmy’s business partners and the high Dinamica Mantova management made the sponsorship deal involving James Goldstein Couture possible.

Finally, Goldstein has his own ideas on how “stylish” are the people who’s living in Los Angeles:

To me, LA is a fashion wasteland. I don’t think that people are fashion-conscious in LA in general. It’s interesting; when I travel to Europe people know me because of my fashion, whereas in LA people come up and want to take photos with me because of basketball. It’s never about fashion. Of course there are always exceptions, but overall people in LA really don’t have any style and don’t really care.

BASKETBALL

This leads us to the second job/passion of Mr Goldstein – may be blessed the one who can match his job with his passion -: basketball. Particularly the NBA – however, according to the latest developments, it seems there’s a growing interest for basketball on this side of the “pond” too… -.

David Stern, the former NBA Commissioner, once defined Goldstein as: «Our largest investor in NBA tickets in the world . And, he’s the most uniquely dressed fan».

Raul Barrington interviewed Goldstein for Hoopshype.com in 2013 (However the NBA topic comes to surface with every interview given by Mr Goldstein), right before the NBA Finals between the Miami Heat and the San Antonio Spurs.

I was 10 years old when I started attending NBA games. I don’t recall the details of the game but I remember the sense of excitement that I had. I remember the first NBA Finals game that I ever attended, which was between the Boston Celtics and what was then the St. Louis Hawks. The game was played in Boston and I have a very vivid memory of it. I have not missed a single game of any Finals in more than 20 years.

He is a very close friend of Russian basketball star Andrei Kirilenko and with Pau and Marc Gasol too. In addition his way of watching a basketball game is some kind in line with his style and persona: unique.

I try to watch the game from an analytical standpoint, so you could say I try to pretend that I’m the coach. I study the matchups and the substitutions very carefully, and I try to feel in my own mind that I’m making the decisions.

Goldstein is an habitué in the first row seats at the Staples Center either for the Lakers games as well as the Clippers ones during regular season, but come play off time, he is all over the place:

I go to about four or five games a week during the regular season here in Los Angeles. And then when the playoffs start, I’m on the road getting on an airplane every day for about seven weeks.

And:

No! I’m not a Lakers fan. I actually pull for the visiting teams. I consider myself an NBA fan because I follow every team equally. I just happen to live in L.A. I think that no matter where I lived, I would not be a fan of the home team. If everybody is favoring one team, I always go the other way. The playoffs are such an exciting time in my life. I’ve gotten recognition as being the number-one basketball fan. But I don’t do it for the fame—my basketball fame evolved by accident. I just went because I enjoyed it so much—the recognition has happened by itself.

Goldstein seems to have no “insecurity problems” when he comes to express his evaluations about the coaches who are coaching or coached in the NBA. His ideas are quite “strong” and definite to a certain extent. Take Phil Jackson (Now presidente of the New York Knicks) or Eric Spoelstra (Head Coach of Miami Heat) for example:

I’ve always resented a little bit the credit that he’s gotten for the same reason. He always had so much talent and he was never willing to accept a head coaching job unless the team had the talent to win a championship. So I don’t think he was ever really tested. Spoelstra? I’m not so sure about him. It’s hard to judge a coach when he has as much talent on the team as Miami has. A coach needs to be evaluated with a team that doesn’t have so many superstars on it. So it makes it really difficult to evaluate Spoelstra with his team.

Even in this field, the connection between fashion and basketball is very strong for James (Goldstein):

In basketball the fashion leader is Russell Westbrook. Although he’s making his fashion statement in a different way than I do, the important thing is that he’s making a statement and is trying to be unique – I like that a lot about him. We’re currently in the early stages of working out a collaboration with some NBA players, since many players, including Dallas Mavericks’ Tyson Chandler (He just signed with the Phoenix Suns in Free Agency) and Charlotte Hornets’ Lance Stephenson (He just signed with the LA Clippers in Free Agency), have asked me for t-shirts.

ARCHITECTURE

Then comes Goldstein third job/passion: architecture.

Goldstein is the owner of one of the most famous and iconic houses in Los Angeles: John Lautner’s  Sheats/Goldstein House in Beverly Crest. Lautner has been one of the most fervid and creative disciples of an architectural legend like Frank Lloyd Wright.

It’s Mr Goldstein himself in a video interview with the artist Xavier Veilhan in 2013 for la.curbed.com who tells us “why” and “how” he wanted to buy this gem of modern architecture:

I knew I had to get a very special house. With a special architecture. With a view over the city of Los Angeles. And it took me quite a while to find the right one. That’s why it happened I acquired my John Lautner’s house. I was looking for another house that I knew it was for sale. And from that house I caught the view of the house that I eventually ended up buying. Growing up I was a big fan of Frank Lloyd Right. I’ve grown up in Wisconsin where Frank Lloyd Wright comes from and that was the style architecture that was firmly in my mind and when I saw the John Lautner’s house, Lautner was a disciples of Frank Lloyd Wright, and there was no questions in my mind that that was it.

The house when I bought it was in very bad conditions. The house was sold to someone who didn’t “understand” it. So the houses needed a lot of work but the design of the house was magnificent and that’s what made me buy the house.

Goldstein and Lautner had the opportunity to work together on the house itself and this connection between the two has been very fruitful and stimulating:

How did I get in contact with Lautner? When I first became aware that the house was for sale I contacted John Lautner and asked him about it. I didn’t have him come to the house for quite sometime, we had a nice phone conversation and he highly recommended me to buy the house. Then when I started doing some major work on the house – seven years later – John Lautner came and worked with me for more than ten years working on the house and taking the house to its ultimate perfection. What kind of person was John Lautner? Well, John Lautner unlike some famous other architects had no ego problems. He never tried to impose his will on me. He always waited for me to give suggestions on what I wanted to do and then usually came about with for alternatives way of accomplishing what I wanted and gave me the choice of what I liked the most. He was a real pleasure to work with.

The collaboration between Lautner and Goldstein wasn’t limited to the Sheats house (which was the set for movies like The Big Lebowski in1998 and Chalie’s Angeles in 2003). The Sheats Goldstein House has become bigger in later years:

Sheats Goldstein House, the tennis court on the rooftop with a view over Los Angeles

When I first acquired my house. There was another house that I shared the driveway with. Opposite to my house. That house was designed by John Lautner too. A number of years ago I was fortunate enough to acquire that house as well. But it wasn’t as nice a house as mine and John Lautner was not proud of it and he was very happy that I bought it and wanted to make something else where the house was situated. So, eventually, the house was tore down, and I started working on a complex with a tennis court on the roof having a full view of the city of Los Angeles. Underneath the tennis court there’s my night club which I called Club James. This is something I always wanted to help design and have for my entertainment purposes.

Oh yes, let’s talk about Club James:

The club isn’t 100% completed (That was in August 2014, I am assuming that the club is now fully functional and been first inaugurated on New Years Eve 2015)  yet, but it’s functional; I’ve had two events there so far, including a big party for Treats magazine. For dinner parties, there’s going to be a third level below the club and office which will be an outside facility with a huge terrace, a covered dining area, covered kitchen and covered bar.

Warning: not everyone can book a party at Club James:

I have to approve them first. Since the club is in a residential neighborhood, I wont be able to have many events, so I’ll have to only pick the best ones. Anyone can email me to book a request.

One thing looks sure from my point of view: Mr Goldstein will find in Mantova a place where he will be able to satisfy his hunger for architecture and culture. Certainly not in modernist terms, as the one brought to its highest level by Frank Lloyd Right or Lautner with their houses and buildings designs.

Nevertheless Palazzo Te, Palazzo del Capitano, Piazza delle Erbe, Mantegna’s house or Rigoletto’s house, just to name a few, are true architectural and cultural masterpieces all joint in few square meters (or feet for my fellow American followers). My personal wish is that the basketball club in Mantova will invite Mr Goldstein to attend some home games and maybe stay in Mantova for just some time too in order for him to discover all the extraordinary architectural beauties of this tiny gem in the Northern part of Italy. Being also quite close to Milan, for his fashion and entertainment too!

CARS AND WOMEN

Mr Goldstein drives an old Rolls Royce:

Yes, I have a very old 1961 Rolls Royce, which is my only car for more than 40 years.

Women. Well, checking Mr Goldstein Instagram account out would be enough to understand how the “guy” appreciates feminine beauty, so to speak. He seems to particularly appreciate young slender models with loooong legs. However there has never been a plan of getting married for James:

I need to be free – tells Goldstein to billionaire.com Britt Collins in 2014 – I don’t believe in marriage. I’m very independent and function well by myself. I don’t need to have someone with me all the time.

Despite Jimmy’s “independence” needs, he’s always been surrounded by beautiful women:

I think it’s because of my style, my uniqueness and I’ll leave the rest up to you.

And finally:

If I could do it all over again, I’d be in Miami. It’s more exciting, more international, closer to Europe. LA’s too quiet for me, everything shuts at 10pm (Oh boy if he’s right about this last thing of Los Angeles!)

This is James Jimmy Goldstein.

Basketball in Mantova, Italy, is the last addition to his collection.

SOURCES

“Dinamica, c’è lo sponsor made in USA”

NOWNESS presents a look inside the life of James Goldstein

James Goldstein: World’s Biggest Investor In NBA tickets, Expands Ready-To-Wear Fashion Business – by Declan Eytan, Forbes.com

Watch James Goldstein Talk About His Long Love Affair With One of LA’s Most Spectacular Houses – by Adrian Glick Kudler la.curbed.com

20 Questions with Fashionable NBA Superfan, James Goldstein – by Natalie Alcala la.racked.com

James Goldstein: “I’ve always resented a little bit the credit Phil Jackson has gotten” by Raul Barrington – Hoopshype.com

James Goldstein: «Le leggende sul mio conto? Mi piacciono», GQItalia

Who the hell is James Goldstein by Derek Blasberg, interviewmagazine.com

Interview: In The (Lautner) House with James Goldstein, by Britt Collins billionaire.com

www.jamesgoldstein.com

Sport & Business. James Goldstein aggiunge Mantova alla sua collezione – Un tributo

James “Jimmy” Goldstein è uno che ha “fatto un patto”.

Un patto come lo ha fatto Bruce Springsteen, Mick Jagger o Keith Richards.

“Un patto” come Sir Alex Ferguson, Josè Mourinho, Jurgen Klopp e, per venire negli ambiti tanto amati da Jimmy, Gregg Popovich.

La notizia che il marchio di moda che fa direttamente capo a Goldstein farà bella mostra di sé sulle maglie della Dinamica Mantova l’anno prossimo nel campionato di basket di Lega Pallacanestro – l’ex Legadue per intenderci – ha scosso, se non altro, il mio interesse per conoscere meglio questo personaggio. Anche se, onestamente, al di là di qualche scossone “nel mantovano” non ho notato molto interesse per questa notizia (spero vivamente di essermi sbagliato).

L’operazione da quello che si legge e da quello che ho potuto carpire ha contorni poco definiti in termini numerici e di “presenza” del grande Jimmy. Per contro, James Goldstein è un personaggio. Poliedrico. Conosciuto in tutto il mondo. Che ha passione per la pallacanestro e per l’architettura. A Mantova potrà trovare entrambe. Tre secoli di architettura raccolti in un pugno (come soleva definire il centro di Mantova mio papà) e una squadra che ha sfiorato i play off di Legadue Gold l’anno scorso (non senza una buona dose di casini durante il percorso) e che quest’anno vuole crescere ulteriormente. L’ambizione c’è. Le idee mi pare non manchino. Qualche limite di struttura esiste ancora e secondo me alla lunga verrà fuori, ma se c’era bisogno di “mettersi sulla mappa”, James Goldstein è una garanzia in quel senso.

Da qui, quindi, la mia curiosità per “conoscere” meglio questo personaggio unico ed inimitabile.

Intanto il video del Maestro Buffa (tratto da una serie di cortometraggi di gran successo girati per Barracuda e Fabi Shoes) a inizio pagina mette in evidenza quelle che sono le tre grandi passioni di Mr Goldstein, quelle che, poi, definiscono e rendono “unico” anche il suo biglietto da visita «Moda, Basket e Architettura».

Per il resto di Goldstein si sa poco.

Anche la pagina che Wikipedia dedica a lui parla molto di pallacanestro e poco della sua biografia. Quello che si sa è che è nato a Milwaukee e che dovrebbe avere più di 70 anni.

Si sa anche che è estremamente ricco, ma non si sa da dove derivi questa ricchezza. C’è chi specula raccontandoci che investimenti nel mondo del mattone gli abbiano fruttato una vagonata di milioni di dollari. Ma Goldstein liquida la questione laconicamente: «Ho compiuto investimenti fortunati». Che poi, diciamocela tutta, qui, mi pare, fortuna e bravura si mescolano in un unico e alquanto succulento mix.

Il resto lo spiega lui:

La gente si riferisce a me definendomi costantemente l’uomo del mistero. Il misterioso James Goldstein. Non credo proprio di essere così misterioso. Mi piace considerare che le mie azioni “parlino” per me e, più in generale, penso che la gente abbia qualche problema nel voler essere “differente”, che si sentano molto più sicuri se si conformano a tutto ciò che li circonda. Io non sono così. Non credo di avere dei problemi di insicurezza»

«E comunque per alcuni sono diventato una sorta di leggenda… Però è una cosa che mi piace!».

E’ questa la filosofia di Mr Goldstein. Pensare diverso. Distinguersi. Cogliere le occasioni quando si presentano. E’ lui che lo dice:

Non ho problemi a prendere le opportunità dove capitano e a sentirmi “a posto” quando lo faccio. Il mio obiettivo è quello di continuamente avere una visione unica e cercare di differenziarmi da tutto ciò che fanno gli altri. Quindi le sfide che mi costruisco ogni giorno potrebbero essere considerate come una sorta di limite per me o le mie attività. Ma io non la vedo così, per me è un’opportunità di espressione. Molte persone amano delle “scommesse sicure”, anche in amore. Non sono interessato a partite “scontate”. Sono alla ricerca, al contrario, di ogni cosa che possa in qualche modo farmi sentire pienamente soddisfatto e felice. Per me non c’è una forma primaria di felicità o una secondaria, per me esiste solo la felicità

LA MODA

Il veicolo attraverso cui Goldstein e la pallacanestro a Mantova sono entrati in contatto è proprio la moda. Che Goldstein fosse uno che amasse distinguersi sin da piccolo lo racconta in una splendida intervista a  Natalie Alcala di Racked.com 

Mi sono appassionato alla moda quando ero ancora all’high school. Ho sempre cercato di essere un passo avanti a tutti gli altri già in quell’età. Poi, immaginati, essendo nato a Milwaukee, il livello di eleganza che ci potesse essere.  Una volta arrivato in California per frequentare l’università (prima a Stanford e poi a UCLA, nda) ho capito che questo era il mio posto. E qui, mentre all’epoca tutti portavano una t-shirt rosa, io ho pensato di andare oltre e indossare un intero completo di quel colore!

Intorno ai vent’anni il primo viaggio a Parigi dove la sua passione per la moda e la sua consapevolezza di voler sviluppare ancor di più un suo gusto personale nell’indossare determinati capi aumentò ulteriormente:

Quel viaggio aumentò notevolmente la mia fashion awareness – racconta Goldstein a Derek Blasberg di Interview.com -. Sono cresciuto molto in quell’ambito da quel viaggio e credo che questo processo non sia ancora terminato. Neanche adesso.

I primi acquisti – degli abiti di Pierre Cardin -, la passione e una sincera ammirazione per gli stilisti francesi e italiani:

I designers sono sicuramente interessanti, fino ad un certo punto – dichiara il nostro a Declan Eytan di Forbes – Poi però, incentrano la loro produzione per vendere “alle masse” e allora, in quel momento, non sono più interessato. Non ho un mio stilista favorito. Vado con il gusto del momento. E ne cerco sempre di nuovi. Un esempio perfetto è Yves Saint Laurent. Ritenevo le sue linee un po’ troppo conservative per i miei gusti. Ma negli ultimi anni questa tendenza è cambiata ed ora la casa che porta il nome del grande stilista disegna abiti che sono perfetti per i miei gusti. Stessa cosa per quanto riguarda Roberto Cavalli. Mi ha confessato che ama il modo in cui indosso i suoi capi. Ma che sono “unico nel mio genere” e che alla fine un certo tipo di capi li possa comprare solo io!».

E così, di stilista in stilista e di vestito in vestito, eccoci  ai 100 e passa fashion show cui presenzia ogni anno – Parigi, Milano (ovviamente) ma non solo -. Jimmy si muove su scala mondiale e, nonostante ci sia chi racconta che viaggia in aerei privati, lui smentisce la diceria e rilancia dicendo che viaggia generalmente con aerei di linea e in alcuni casi, soprattutto nei voli interni agli USA favorendo anche l’economy – si arriva dritti alla James Goldstein Couture.

«Per molti anni la gente ha spinto perché disegnassi i capi che porto (i cappelli e le giacche di pelle sono fatti apposta per lui, i primi da una casa di Parigi, i secondi direttamente dalla linea di produzione che porta il suo nome, nda), ed io ho sempre risposto con una risata, affermando che non avevo intenzione di intraprendere una nuova carriera. Non ho una preparazione specifica su come disegnare un capo di moda, ma l’ho sempre osservata da vicino ed ho sviluppato un certo occhio. Nel 2013 due miei ottimi amici di Milano (dove è stato aperto il primo James Goldstein Couture store in Via Montenapoleone. E dove se no?, nda) mi hanno sorpreso dicendomi che stavano creando una nuova linea di moda che, non solo volevano nominare col mio nome, ma anche che io diventassi l’head designer della stessa. Così è nata la James Goldstein Couture.

Stefano D’Ambrosio e Jean Paul  (i suoi due soci)  non mi hanno mai fatto alcuna pressione finanziaria e godo di tutta la libertà di cui necessito. Sono i business partner ideali ed è una delle ragioni per cui ho iniziato questa attività.

E da quello che circola nell’ambiente è proprio l’aggancio tra i soci di Goldstein e l’alta dirigenza della Dinamica Mantova ad aver dato il “la” alla partnership tra la stessa società e la casa di moda che fa capo a Goldstein.

Infine, sempre a Miss Alcala, Goldstein chiude il cerchio per quanto riguarda la moda tirando una stoccata allo stile che circola per Los Angeles:

Per quanto mi riguarda, LA è una wasteland in termini di moda. Non credo che la gente in generale sia così attenta da un punto di vista dell’essere fashion. E’ interessante: quando sono in Europa la gente vuole fare foto con me, per quello che indosso. Quando sono a Los Angeles la gente vuole una foto con me per la pallacanestro. Non è mai un discorso inerente alla moda. Chiaramente ci sono eccezioni, ma devo dire in generale che a Los Angeles la gente non ha “stile”, e non le importa nemmeno.

IL BASKET

E allora, parliamo della seconda “professione/passione” – beato colui il quale può trasformare una passione in una professione – del nostro. La pallacanestro. In particolare quella NBA – ma dagli ultimi sviluppi, la visione si sta ampliando anche oltre il famoso “stagno” -.

David Stern, quando ancora era Commissioner dell’NBA lo definì come:« Il più grande acquirente di biglietti di partite NBA del mondo. Ed è in assoluto quello vestito nel modo più unico».

In un’intervista a Raul Harrington (ma l’NBA è un discorso sempre ricorrente nelle interviste che Goldstein concede o negli articoli che lo riguardano) su Hoopshype.com risalente al 2013 Jimmy racconta di aver visto la prima partita quando aveva dieci anni:

Non ricordo i dettagli della stessa, ma ricordo l’eccitazione che avevo nell’assistere per la prima volta a un match. Mi ricordo anche la prima partita di una serie finale cui ho assistito: Boston contro gli allora St. Louis Hawks. Ricordo che fu giocata a Boston ed è un ricordo che ho ancora vivido nella mia mente. Non ho mai mancato una serie finale negli ultimi 20 anni e non ho certo intenzione di fermarmi

L’amicizia con Kirilenko e con i fratelli Gasol, e, soprattutto, un modo “diverso” di vivere la partita seduto dalla prima fila:

Nella mia testa cerco di esaminare la partita analiticamente. Diciamo che “pretendo” di essere l’allenatore. Quindi valuto attentamente tutti i match ups in campo, e le sostituzioni e immagino il tipo di decisioni che potrei prendere se fossi effettivamente in panchina.

La sua presenza a bordo campo, assolutamente distinguibile per stile e “aura” – oltre che, diciamolo, spesso per l’avvenente compagnia di cui si circonda  – è un must per lo Staples Center a Los Angeles e non solo:

Vado a quattro, cinque partite ogni settimana (è abbonato a entrambe le squadre di Los Angeles, Lakers e Clippers, nda) e quando iniziano i play off prendo un aereo al giorno per almeno sette settimane guardandomi una partita di play giornalmente

E no. Non sono un fan dei Lakers. Spesso faccio il tifo per la squadra in trasferta. Mi considero un fan dell’NBA perché seguo ogni squadra in egual misura. Mi è capitata questa cosa per cui vivo a Los Angeles. Ma penso che, indipendentemente dal luogo dove avrei potuto vivere, non sarei mai stato un fan della squadra di casa. Se uno fa il tifo per una squadra, io, spontaneamente, sostengo l’altra. I play off per me sono così eccitanti. Sono anche stato definito come il fan numero uno nel basket. Ma non lo faccio certo per avere una fama. Vado alle partite perché mi piace. Il resto è accaduto, così, per caso.

A testimonianza del fatto che Goldstein non soffra di… “insecurity issues” lo si deduce anche dalle opinioni forti circa coaches come Phil Jackson o Eric Spoelstra (che nel 2013 si apprestava a giocare l’ennesima serie finale con Wade, Bosh e James in squadra):

Phil? Son sempre stato un minimo diffidente circa i meriti che ha ricevuto durante la sua carriera. Ha sempre avuto così tanto talento a disposizione e non ha mai dimostrato di voler accettare alcun posto da allenatore a meno che la squadra non avesse il talento per provare a vincere dei titoli. Quindi credo che le sue abilità non siano mai state testate completamente. Spoelstra? Non sono “sold” neanche su di lui. Credo che la bravura di un allenatore vada valutata quando il numero di superstars in squadra non sia preponderante. Quindi credo sia un po’ difficile valutarlo con questo tipo di squadra.

(Cari amici allenatori che seguite il blog. Siete d’accordo con Jimmy?)

Il bello è che per Goldstein, al di là del fatto tecnico e della passione fortissima per il gioco, la connessione tra pallacanestro e moda è sempre costantemente lì…

Il giocatore più “fashion” dell’Nba è Russell Westbrook. Anche se ha un modo di vestire diverso dal mio, il suo è comunque un modo “unico” di interpretare la moda e questo è l’importante. Al momento stiamo cercando di instaurare una collaborazione con giocatori come Tyson Chandler e Lance Stephenson visto che mi hanno chiesto delle t-shirts della mia linea di moda

ARCHITETTURA

Infine, l’architettura. James Goldstein dal 1972 è il proprietario di una delle case più “iconiche” di tutta Los Angeles, la Sheats-Goldstein House, situata sulle colline a Beverly Crest e disegnata dal grande architetto John Lautner, uno dei più fervidi e creativi discepoli di una leggenda come Frank Lloyd Wright.

E’ lo stesso Goldstein in una video intervista rilasciata all’artista Xavier Veilhan nel 2013 e ripresa su la.curbed.com a raccontare il come e il perché ha voluto acquistare questo gioiello dell’architettura moderna:

Quello che volevo era una casa speciale. Con un’architettura speciale. Con una vista sulla città. Diciamo che ci ho messo un po’ nella ricerca, ma alla fine sono arrivato a comprare la casa di John Lautner in cui vivo adesso – Racconta Mr Goldstein -. Stavo cercando in realtà un’altra casa, che sapevo era in vendita. Dalla vista di quella casa, ho notato la casa di Lautner che poi ho alla fine acquistato

James, a Veilhan, racconta anche della sua ammirazione per Right:

Cosa mi ha attratto di quella casa? Beh innanzitutto io sono cresciuto ammirando molto i lavori di Franck Lloyd Wright. Vengo dal Wisconsin come lui, e quello era il tipo di architettura che avevo fermamente nella mia mente.  Quando ho visto la casa progettata da Lautner, sapevo che era un discepolo di Franck Lloyd Wright oltre ad aver lavorato con lui, e quando l’ho vista per me non c’è stato il minimo dubbio che quella era la casa che volevo.

Quando l’ho acquistata era in condizioni non ottimali per come era stata arredata dal precedente proprietario, il quale non aveva “capito” lo spirito di quella costruzione. Quindi la casa aveva bisogno di molto lavoro, ma il design della stessa era magnifico. ed è quella la ragione per cui l’ho comprata.

Goldstein e Lautner hanno avuto modo di lavorare assieme e la “connection” fra i due è stata proficua e al tempo stesso estremamente stimolante:

Come sono entrato in contatto con Lautner? Diciamo che l’ho contattato subito dopo che avevo avuto conoscenza del fatto che la casa era in vendita. Chiedendogli il suo pensiero su di essa. Lautner non era andato a visitarla per un bel po’ di tempo, però durante quella conversazione telefonica,  mi ha fortemente caldeggiato l’acquisto. Quando ho iniziato a compiere delle importanti opere di rinnovamento sulla casa – circa sette anni dopo – John Lautner mi affiancò in quest’opera e lavorammo sulla casa per più di dieci anni. Migliorandola, e portandola alla sua massima perfezione architettonica. Che tipo di persona era Lautner? Diciamo che, a differenza di molti altri architetti, Lautner non aveva problemi di egocentrismo. Non ha mai cercato di imporre la sua volontà sulla mia. Ha sempre aspettato la mia opinione su che tipo di direzione volevo che prendesse il lavoro di ristrutturazione, per poi presentarmi quattro/cinque modi diversi su come arrivare a ciò che io avevo in mente, dandomi l’opportunità di scegliere ciò che a me piaceva di più. E’ stato un vero piacere aver potuto lavorare con lui.

Ma la collaborazione tra Goldstein e Lautner non si limita alla casa che è stata anche il set di film di successo come Il Grande Lebowski (1998) e Charlie’s Angeles (2003). Sì, perché Sheats-Goldstein House è diventata più grande negli ultimi anni:

Il campo da tennis di Goldstein con veduta di Los Angeles

Le aggiunte alla casa che ho fatto recentemente? Quando ho acquistato la casa, ce n’era un’altra con cui condividevo la strada per uscire dalle rispettive abitazioni, ed era esattamente di fronte alla mia. Anche quella disegnata da Lautner. Qualche anno fa, sono stato sufficientemente fortunato da riuscire ad acquistare anche quella casa. Ma Lautner non era molto orgoglioso del suo lavoro su quella casa ed era perciò molto felice che l’avessi acquistata, e che io volessi farne qualcos’altro rispetto a dove era stata costruita. In sostanza la casa è stata abbattuta ed ho iniziato a costruire un complesso architettonico con un campo da tennis sul tetto con la veduta completa della città di Los Angeles. Sotto al campo da tennis c’è il night club di mia proprietà, che ho chiamato Club James, che ho voluto disegnare e aiutare nella costruzione e che soddisfa pienamente il mio bisogno di intrattenimento.

Ecco, il Club James…

Diciamo che al momento ho tenuto un paio di eventi (siamo ad agosto 2014, quindi immagino che questi siano aumentati e l’inaugurazione ufficiale sia effettivamente avvenuta a Capodanno 2015, nda). Uno per il magazine Treats. E’ ancora in fase di completamento ma la mia idea è quella di completarlo con un’area per cene ed eventi mondani. Infatti assieme al campo da tennis, il mio ufficio e il club sottostante, verrà ricavato un terzo livello, con una terrazza per, appunto, eventi all’aperto.

Tutti possono prenotare un party al Club James? Nient’affatto:

Devo prima approvare la richiesta. Siccome si tratta di un’area residenziale posso tenere pochi eventi all’anno e quindi mi limito solo ai migliori possibili. Tuttavia chiunque può inviarmi una mail per prenotare una loro richiesta.

Un fatto mi pare sicuro: a Mantova, Mr Goldstein – se mai vorrà andare a visitare questo  piccolo gioiello del nord Italia – potrà soddisfare la sua sete di cultura e alimentare la sua passione per l’architettura. Magari non in senso modernista come quella perorata da Frank Lloyd Right o John Lautner, ma tra Palazzo Te, Palazzo

del Capitano, la casa di Rigoletto, la casa del Mantegna e tutti gli angoli e le vie della città, Mr Goldstein potrebbe perdersi in mezzo all’architettura di tre secoli di storia racchiusi davvero in poche centinaia di metri quadrati. L’augurio è che il club mantovano possa farsi promotore presso Goldstein per una vista, perché ho come la sensazione che almeno due delle sue grandi passioni (per la moda, c’è la vicina Milano), possano essere ampiamente soddisfatte con sua grande gioia.

DONNE E MOTORI

Prima i motori. E’ più facile. Perché? Ce lo spiega Mr Goldstein:

Guido una Rolls Royce. Un vecchio modello, bianco. E’’ del 1961. E quella è stata l’ unica macchina per gli ultimi 40 anni della mia vita.

Le donne. Beh, lì basterebbe la pagina Instagram di Jimmy per capire, che insomma, il “ragazzo” apprezza eccome il genere femminile. In particolare giovani modelle dal fisico longilineo con gambe chilometriche. Ma di sposarsi, neanche per idea:

Non credo nel matrimonio – questo quanto detto in un’intervista Britt Collins per Billionaire.com nel 2014 – Devo essere libero. Sono estremamente indipendente e non ho problemi a farmi la mia vita. Non ho bisogno di qualcuno che stia con me tutto il tempo.

Anche se poi, ammette di essere sempre stato circondato da donne:

Credo sia per il mio stile, la mia unicità. E il resto lo lascio a te…

Se rifacessi tutto da capo, probabilmente vivrei a Miami. E’ molto più eccitante, più internazionale. Più vicino all’Europa. Los Angeles è troppo tranquilla per me. Ogni cosa chiude alle 10 di sera (e su questo, Jimmy, ha ragione!)

Questo è James Jimmy Goldstein. E “la” Mantova del basket è l’ultimo pezzo della sua collezione.

SOURCES

“Dinamica, c’è lo sponsor made in USA”

NOWNESS presents a look inside the life of James Goldstein

James Goldstein: World’s Biggest Investor In NBA tickets, Expands Ready-To-Wear Fashion Business – by Declan Eytan, Forbes.com

Watch James Goldstein Talk About His Long Love Affair With One of LA’s Most Spectacular Houses – by Adrian Glick Kudler la.curbed.com

20 Questions with Fashionable NBA Superfan, James Goldstein – by Natalie Alcala la.racked.com

James Goldstein: “I’ve always resented a little bit the credit Phil Jackson has gotten” by Raul Barrington  hoopshype.com

James Goldstein: «Le leggende sul mio conto? Mi piacciono», GQItalia

Who the hell is James Goldstein by Derek Blasberg, interviewmagazine.com

Interview: In The (Lautner) House with James Goldstein, by Britt Collins billionaire.com

www.jamesgoldstein.com